Pagine

domenica 23 aprile 2017

LA CLODIENSE SBANCA PIOVE MA NON BASTA A TORNARE PRIMA. AMBROSIANA VERSO LA SERIE D

Una partita sul campo, allo stadio Vallini, con la Clodiense che ci mette un'ora a espugnare la coriacea resistenza dei padroni di casa della Piovese. Un'altra partita sugli spalti, legati ai gruppi whatsapp che comunicavano i risultati a distanza: segnatamente quello della capolista Ambrosiana, impegnata a Villafranca in una continua altalena che la vedeva prima perdere, poi pareggiare, poi perdere ancora, poi rimontare e dilagare 5-2 assicurandosi quasi certamente la promozione in serie D. Ma la squadra di Massimiliano De Mozzi non deve rimproverarsi niente: anche a Piove ha giocato a calcio, ha mostrato solidità difensiva, ha sfruttato le fasce e ha concretizzato solo una piccola parte della mole di occasioni prodotte. Ora domenica dovrà affidarsi alla stessa Piovese, che andrà a rendere visita all'Ambrosiana, mentre i granata affronteranno al Ballarin i veronesi del S.Lucia Golosine, già salvi: prevedibili due successi interni, i quali manderebbero nella serie superiore l'attuale capolista -che precede la Clodiense di due punti- e i ragazzi del patron Ivano Bielo ai playoff nazionali, probabilmente contro una squadra piemontese.
La partita inizia con il commovente abbraccio ideale al ciclista Michele Scarponi, travolto ieri da un furgone e ricordato dal minuto di silenzio in mezzo al campo e sulle tribune. De Mozzi lascia inizialmente in panchina giocatori del calibro di Pradolin e Zambon, oltre a Francis Arthur rimpiazzato da Brentan, e in mancanza del bomber Luca Rivi dà fiducia a Marco Boscolo Zemelo al centro dell'attacco. La Piovese presenta alcune assenze di rilievo (Morandi, Correzzola) ma schiera tre clodiensi: il portiere Luca Boscolo, grande ex e autore di una prestazione maiuscola, il suo vice Ortali e la punta Nicola Nordio. Tra i biancorossi anche una vecchia conoscenza del pubblico del Ballarin, quel Nicola Stocco che incantava da mezzala e che a 37 anni ha trovato una nuova giovinezza al centro della difesa. Il match ristagna a lungo a centrocampo, con sporadici tentativi di entrambe le squadre: molto battute le corsie esterne con i tiri-cross, la Clodiense Chioggia Sottomarina cerca invano il bersaglio su punizione. Brividi per un liscio in area su cross di Abrefah, poi un'ammonizione colpisce Ruben d'Incà per aver simulato un rigore; in questa fase si distingue il regista piovese Matteo Deinite, capitano 34enne già abituato alle categorie superiori. Poi l'inerzia della partita cambia e i granata prendono il sopravvento: Cacurio sbaglia un goal fatto al 25°, calcia fuori una punizione cinque minuti più tardi, poi spara ancora alto su assist di Marco Zemelo al 31° prima della replica saccisica al 39°, con un cross che taglia la difesa e viene alzato di poco da favorevole posizione da Nardo. Anche la punta biancorossa Lombardo finisce sul taccuino dell'arbitro Schiavon per simulazione (ma resta qualche dubbio, visto dalla tribuna), mentre il tempo si chiude su un tentativo di d'Incà salvato sulla linea da Canton. Nel frattempo a Villafranca, dopo il vantaggio iniziale dei padroni di casa, l'Ambrosiana perviene al pareggio giusto allo scadere della prima frazione grazie a un calcio di rigore.
Se all'inizio della ripresa le formazioni restano immutate, presto De Mozzi si accorge della prestazione non sufficiente di Zemelo e lo sostituisce con Riccardo Zambon, cambiando anche Davide Boscolo Gioachina con Matteo Boscolo Nata. La punta neoentrata ci mette poco a entrare in partita: prima viene anticipato di poco su cross dell'inesauribile Abrefah, poi -su azione di rimessa laterale- dà l'illusione del goal colpendo di testa e costringendo l'ottimo Luca Boscolo a un colpo di reni decisivo. Intanto a Villafranca i locali si riportano in vantaggio prima di venire ancora raggiunti, a stretto giro, dalla capolista Ambrosiana. Ancora Zambon tira alto al 59° su assist del playmaker Manuel Conti. Il goal è nell'aria e lo realizza Raffaele Cacurio al 67°, facendosi perdonare le tante occasioni del primo tempo: Zambon fa da sponda di testa e il numero 11 lascia esplodere un tiro al volo che si insacca nell'angolo basso dove Luca Boscolo non può arrivare. I granata sono galvanizzati dal pareggio che si sta profilando in terra veronese, ma un calcio d'angolo rischia di far tornare la situazione in parità: ci pensa Momo Abcha, uno dei migliori in campo assieme al compagno di reparto Nnamani, a salvare di testa sulla linea al 70°. Pradolin sostituisce d'Incà subito dopo, e arriva la notizia che l'Ambrosiana è passata in vantaggio: palese la sensazione che solo un miracolo a quel punto potrebbe riportare in parità le sorti della partita di Villafranca, una volta che i primi della classe hanno messo la freccia. A Piove la Clodiense finisce in attacco, cinque interminabili minuti di recupero non cambiano la situazione, anzi è Abrefah a cercare ancora la porta con una sventola di prima intenzione, di poco alta. Mente i dispacci dall'altro stadio rimbalzano prima la quarta, poi la quinta rete che allontanano Malagò e compagni dalla promozione diretta.
Ai microfoni di Marco Lanza, l'allenatore granata non ha niente da rimproverare ai suoi: «Abbiamo affrontato una squadra che non ci ha concesso niente, è nel nostro dna creare tanto e realizzare meno. Siamo comunque ai playoff nazionali ed è un buon traguardo, la promozione può passare per altre strade, siamo certi che la Piovese metterà lo stesso impegno anche domenica prossima a Sant'Ambrogio di Valpolicella". Simpatico il siparietto con il presidente Bielo riguardo la riconferma dello stesso tecnico vicentino, che tanti a Chioggia hanno imparato a stimare e ad amare per il suo carattere estroverso e per il suo gioco mai rinunciatario. Fra sette giorni tutti al Ballarin per inseguire un sogno.

sabato 1 aprile 2017

LA CLODIENSE SPERA IN UN "AIUTO" DAL POZZONOVO

Domani pomeriggio la Clodiense Chioggia Sottomarina giocherà su due terreni. Il primo, quello in casa della Belfiorese, dove sarà direttamente impegnata; il secondo, con le radioline o meglio i telefoni, attenta al match d'alta quota tra Pozzonovo e Ambrosiana, con la capolista che proverà a tenere distanti i granata espugnando il campo della terza in classifica, già castigata una settimana fa al Ballarin da capitan Malagò e ormai fuori dai giochi promozione. L'organico a disposizione di mister De Mozzi è al completo, fatto salvo l'infortunio ad Alex Boscolo Sale: grazie al professor De Favari, il preparatore atletico, la squadra lagunare arriva in buone condizioni fisiche al rush finale.

domenica 26 marzo 2017

LA CLODIENSE CHIOGGIA SOTTOMARINA BATTE IL POZZONOVO


La Clodiense Chioggiasottomarina ha vinto una partita molto importante nell' economia del campionato, non solo blinda la seconda posizione ma manda anche il Pozzonovo a 6 punti di distacco, ai limiti del margine consentito per la disputa dei play-off. Importantissimo quindi il gol di capitan Malagò che ha deciso una partita equilibratissima nella quale i granata hanno pagato molto le fatiche fisiche e mentali di un Mercoledì di Coppa che inevitabilmente ha lasciato delle conseguenze. Nota lieta il ritorno in campo di Moretto che è subentrato nella ripresa, in panchina c'era Tebaldi, rimane quindi il solo Boscolo Sale in infermeria in attesa di dare il proprio contributo in un finale di stagione che prevede gli ultimi sforzi necessari per andare a riprendere l' Ambrosiana al vertice. Domenica i veronesi giocheranno sul campo proprio del Pozzonovo, ampiamente interessato a dover cercare di fare risultato per la propria classifica oltre che per il prestigio.

mercoledì 22 marzo 2017

DE MOZZI: TERMINA IL SOGNO DI COPPA ITALIA

Un vero peccato per la Clodiense Chioggiasottomarina che ha sfiorato la qualificazione alle semifinali di Coppa Italia ed è uscita a testa alta dalla manifestazione visto che oggi ha vinto per 2 a 1 contro una forte Romanese ma all' andata aveva perso per 1 a 0. Ciò che maggiormente ha colpito oggi dei granata è stata la facilità con la quale, in ogni momento della partita, hanno dato la sensazione di poter andare in gol, pur giocando contro la difesa che a livello nazionale ha subito meno gol nei vari campionati di Eccellenza nazionale : due realizzati, parecchi sfiorati, uno annullato a Malagò per fuorigioco, nonostante sia mancata la spinta di alcuni giocatori relegati al solo compitino a causa delle non perfette condizioni fisiche. Ora il pensiero e la concentrazione volano al campionato, alle 5 partite che mancano, all' incontro importante di Domenica al Ballarin contro il Pozzonovo. Oggi si è rivisto in panchina Moretto mentre Nnamani a Abcha sono stati gettati nella mischia a dare il proprio contributo, l' essere usciti dalla coppa deve essere un eventuale vantaggio per il recupero di energie, in questo finale di campionato che potrebbe vedere necessario il ricorso ai PLAY-OFF per arrivare alla serie D.

domenica 19 marzo 2017

CLODIENSE CON IMPEGNO MA SENZA GRANDI DIFFICOLTA' BATTE IL LOREO E SI PREPARA PER LA COPPA

La Clodiense Chioggiasottomarina vince il derby contro il Loreo per 3 a 0 e conclude in maniera positiva l' inusuale Sabato calcistico conquistando anche, come era prevedibile, la testa della classifica in attesa del risultato che l' Ambrosiana otterrà ad Oppeano. Non è stata una vittoria semplice contro i ragazzi allenati dall' ex Sottomarina Lido Stefano Santi, in primis perchè il gioco professato dal tecnico padovano è sempre a grande propensione offensiva, in seconda battuta, come è giusto che sia, i rodigini hanno lottato sino all' ultimo minuto. Ha fatto la differenza anche l' approccio alla partita : granata infatti subito pericolosi al 6' con Zambon che poi va in gol 2' più tardi. Il raddoppio è arrivato grazie ad una grande giocata ancora dell' ex Tamai sulla corsia di destra con assist per Abrefah che ha insaccato. Nella ripresa i ragazzi di De Mozzi hanno cercato la rete della ulteriore tranquillità prima con un pericoloso colpo di testa di D' Incà al 9', successivamente con il subentrato Rivi che ha colpito la traversa. Una bella azione in contropiede firmata Malagò-Cacurio ha permesso ad un altro subentrato, Pradolin, la soddisfazione della rete per un week-end da primatisti macchiato solo dalla preoccupazione delle condizioni di Nnamani uscito per infortunio e probabilmente non impiegabile Mercoledì contro la Romanese in Coppa Italia : per intanto la Clodiense Chioggia ha vinto e brinda...al BARINTO

mercoledì 15 marzo 2017

COPPA ITALIA: LA CLODIENSE CHIOGGIASOTTOMARINA CADE, ORA DECISIVA LA PARTITA DEL 22

La Clodiense Chioggia Sottomarina perde la gara di andata dei quarti di Finale di Coppa Italia, sfortunati i ragazzi di De Mozzi che hanno subito il gol al 77' in una delle rare azioni pericolose allestite dai padroni di casa. Nel primo tempo, anzi, erano stati i granata a farsi preferire per geometrie di gioco e personalità in campo, soprattutto con D' Incà che dimostrava tecnicamente di avere un passo diverso. Prima il tiro pericoloso di Pradolin, poi la traversa su deviazione di un difensore locale, portavano i granata vicini al vantaggio e davano fiducia per la ripresa. Al 77' invece il gol della Romanese che i nostri portacolori non riuscivano più a pareggiare. Ora c' è il ritorno Mercoledì prossimo : Clodiense che deve vincere con due gol di distacco perchè, sull' 1 a 0, si andrebbe ai supplementari.

domenica 12 marzo 2017

LA VICE CAPOLISTA CONTINUA IL SUO BEL MOMENTO DI GIOCO

Convincente prestazione della Clodiense Chioggiasottomarina che batte l' Oppeano per 3 a 1 al termine di una partita che ha visto il realizzo delle 4 reti nei primi 45'. L' intento dei granata era quello di cercare di chiudere in velocità le sorti dell' incontro, conoscendo le capacità degli avversari a livello agonistico e di determinazione ; all' andata si era pure verificata la situazione di partita messa in discussione sino agli ultimi minuti nonostante un 3 a 0 che sembrava rassicurante ( partita poi terminata 3 a 2 ). Questa partita sarà sicuramente ricordata come quella della doppietta di Malagò che nel pre gara, scherzando con il presidente Ivano Boscolo Bielo, aveva incassato la battuta relativa ai pochi gol sinora siglati ed ha risposto addirittura con la duplice realizzazione. Molto bello il primo gol con fiondata dalla distanza indirizzata all' incrocio, seconda rete invece di testa sugli sviluppi di un calcio d' angolo. Il secondo gol dei granata è stato realizzato da D' Incà, duplice vantaggio durato solo 4' perchè i veronesi hanno accorciato le distanze approfittando di una presa non perfetta di Bastianello. In classifica i granata rimangono secondi e, a 6 giornate dal termine, è molto interessante la lotta al vertice con Ambrosiana e Pozzonovo con i ragazzi di Sabbadin che saranno affrontati il 26 Marzo e poi giocheranno in casa contro l' Ambrosiana il 2 di Aprile.